Oblivion

...because open source matters

Non dimenticar le mie parole

Non dimenticar le mie parole

Archivio date

17/03/2006 - Bologna, Oratorio San Filippo Neri
18/03/2006 - Bologna, Oratorio San Filippo Neri
19/03/2006 - Bologna, Oratorio San Filippo Neri
25/03/2006 - Fabbrico (RE), Teatro Pedrazzoli
28/07/2006 - San Giovanni in Persiceto (BO), Piazza del Popolo
06/12/2006 - Bologna, Teatrino di San Salvatore
22/12/2006 - Bologna, Chattanooga Restaurant
22/01/2007 - Bologna, Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna
24/01/2007 - Porretta Terme (BO), Stagione Teatrale "Crinali"
20/04/2007 - Novellara, Teatro della Rocca
21/04/2007 - Novellara, Teatro della Rocca
24/04/2007 - Bologna, Centro sociale "Villa Torchi"
29/09/2007 - Calderino (BO), Auditorium
07/10/2007 - Castenaso (BO), Centro Sociale "Airone"
19/10/2007 - Ostellato (FE), Teatro Barattoni
10/12/2007 - Bologna, Villa Aldrovandi Mazzacorati <br > Sala Diana Fran
16/01/2008 - Vergato (BO), Stagione Teatrale "Crinali"
24/02/2008 - Novellara (RE), Centro Anziani
08/03/2008 - Ostellato (FE), Teatro Barattoni
09/03/2008 - Castelfranco Emilia (MO), Teatro Dadà
23/04/2008 - San Martino in Rio (RE), Rocca Estense
19/06/2008 - Baricella (BO), Piazza
07/08/2008 - Castenaso (BO), Piazza
18/12/2008 - Campione d'Italia (CO), Salone del Casinò
l’Italia degli anni '30 e '40 nelle musiche del Trio Lescano

Debutto il 17 Marzo 2006 all'Oratorio di San Filippo Neri di Bologna per la Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna

con Graziana Borciani, Francesca Folloni e Lara Puglia

e con
Lorenzo Scuda – chitarra e voce
Alessandro Volta – chitarra
Massimo De Stephanis – contrabbasso
Marco Zanardi – clarinetto

Direzione musicale, arrangiamenti e testo – Lorenzo Scuda

Costumi – Ivette
Suono – MuCe
Disegno Luci – Claudio Tappi

Memorabilia...

Vittoria: Dounca, ognuna ed nueter tri dòni la counta quel d’la so véta in teimp ed guèra, e quand ag viin vòia a fòm na cantèda. Cuntèr e canter. Praticameint fer filòs.
(Dunque, ognuna di noi tre donne racconta qualcosa della sua vita al tempo della guerra e quando ci viene voglia facciamo una cantata. Raccontare e cantare. Praticamente fare filosso*)

Bruna: Eh vé, da cuntèr éd cal teimp là ag n’è che n’a sira n’è mia a basta. Comunque, i g’han ciamè a nueter tri propia perché a siòm ed la bàsa. 
(Da raccontare di quei tempi là ce n’è che una sera non è abbastanza. Comunque, hanno chiamato noi tre proprio perché siamo della Bassa)

Clotilde: Sì, ma anche perchè noi conosiamo a memoria tutte le canzonètte del Trio Lescano, che non è mica da poco, eh. 
(Sì, ma anche perché noi conosciamo a memoria tutte le canzonette del Trio Lescano, che non è mica da poco)

Vittoria: C’me na volta, quand a la sira andevum dai ‘svinant e queld’un l’era boun ed suner. Un po’ té ciciarev e un po’ té cantev. Acsé agòm dét ed sè. 
(Come una volta, quando di sera andavamo dai vicini e qualcuno era capace di suonare. Un po’ si chiacchierava e un po’ si cantava. Così abbiamo accettato)

Bruna: Sé, e a sgranevum anca un bel po ed panòci. 
(Sì e sgranavamo anche un bel po’ di pannocchie)

Clotilde: Altro che signorine grandi firme. Se non altro c’avevamo la radio. 
(Altro che Signorine Grandi Firme. Se non altro avevamo la radio)

Bruna: Sé, che n’a volta se te ghév mea la radio, té fév fatiga a savér i lavor. 
(Sì, che una volta se non avevi la radio, facevi fatica a sapere le cose)

Vittoria: Mo carèina. 
(Ah, sapessi)

...

* fare filosso: intrattenersi in compagnia.

Promo video

  • fullscreen

Gallery

In tour!

Prossimamente

Oblivion: The Human Jukebox
24/07/2017 - ore 21:00:00
Piazza delle feste - Porto Antico Genova


Navigazione: Home Vecchi spettacoli Non dimenticar le mie parole